Testimonianza di Walt Heyer:
Ho iniziato il mio cammino a 4 anni dove mia nonna ripetutamente per diversi anni, mi travestiva con un lungo vestito viola che aveva fatto per me e mi diceva che ero bella come una ragazza. Questo ha piantato un seme di confusione di gender, che mi ha portato all’età di 42 a diventare una transgender donna.

Ho vissuto come Laura per 8 anni, ma, come ora io conosco la transizione da uomo a donna non fissa il problema.
Studi dimostrano che la maggior parte di persone che vogliono vivere come il sesso opposto, hanno alcuni problemi psicologici come la depressione o l’ansia. Nel mio caso, sono stato diagnosticato con disforia di genere all’età di 40 anni e all’età 50 con problemi psicologici connessi a un trauma infantile.
Infine, I miei genitori scoprirono come la nonna mi vestiva e non andai più a casa sua. Io pensavo che il mio segreto era al sicuro, ma mio zio, il più giovane iniziò a giocare con me, a insultarmi e ad abusarmi sessualmente.
Non avevo neanche 10 anni. Io penso, che se non era per il vestito viola, non sarei stato abusato.
Disforia di genere, riguarda l’identità e non l’orientamento sessuale.  Io non ero omosessuale; ero interessato a frequentare ragazze.  Quando avevo 20 anni ero fidanzato per avevo anche confidato alla mia ragazza riguardo ai miei travestimenti, ma senza nessun dubbio ci siamo sposati e abbiamo avuto due figli.
Al lavoro avevo successo, ma la ragazza persona in me invadeva i miei pensieri. Settimanalmente viaggiavo lontano da casa, e facilmente mi travestivo da donna.

Al tempo che avevo 40 anni, non potevo più la pressione di vivere due vite separate. Mi sentivo lacerato, volevo essere un buon marito e padre ma ero tormentato che volevo essere una donna.
Ho cercato il miglior specialista di quel tempo, il Dottor Paul Walker che era un coautore degli standard di assistenza del 1979 per la salute dei transgender.
Egli mi aveva diagnosticato un disturbo dell’identità di genere (ora Disforia di genere) e mi aveva raccomandato una cura ormonale e un operazione chirurgica.
Mi diceva che gli eventi infantili non erano collegati al mio disturbo d’identità di genere e che il cambio di sesso era l’unica soluzione.
Così ho iniziato a prendere ormoni femminili e ho programmato l’operazione chirurgica nell’Aprile del 1983 in Trinidad, Colorado. Avevo 42 anni.
Il mio matrimonio finí poco prima della chirurgia.  In oltre ad avere una riconfigurazione dei miei genitali, ho avuto il trapianto di seno e anche altre procedure per rendermi donna. Cambiai il mio certificato di nascita con Laura Jensen. Il mio sogno infantile si realizzò, e la mia vita da donna iniziò.

Un buon inizio, e dopo una caduta dura

All’inizio ero molto eccitato, sembrava un buon inizio. Potevo rompere con il mio passato doloroso come Walt l’uomo, ma la realtà era dolorosa. I miei figli e la mia moglie erano devastati. Parlai con il mio datore di lavoro e la mia carriera lavorativa era finita.
Come Laura, decisi di iniziare un corso di counseling e iniziai un corso verso la fine del 1980 all’Università di California Santa Cruz.
Li, inizia a farmi delle domande riguardo alla transizione che avevo fatto.  La tregua che sperimentai attraverso la chirurgia era solo temporanea. Sotto il trucco e i vestiti da donna c’era il piccolo ragazzo ferito da un trauma infantile. Stavo di nuovo provando la Disforia di genere, ma questa volta mi sentivo un uomo dentro ad un corpo che sembrava una donna. Stavo vivendo il mio sogno ma dentro di me sentivo profondamente il desiderio di suicidarmi.  Uno specialista di gender un giorno mi disse che dovevo lasciar passare ancora del tempo per sentirmi meglio.  Ma otto anni per me erano stati lunghi e terribili. Nulla aveva senso.

Perchè gli ormoni e la chirurgia che aveva raccomandato non funzionava? Perchè ero angosciato per la mia identità gender?  Perchè non era felice di essere Laura?
Perchè avevo un forte desiderio di essere Walt di nuovo?

Emozionalmente, ero un disastro. Ma con grinta, determinazione e amore da diverse famiglie e consulenti, ho cercato la guarigione a livello psicologico. Con la guida di un esperto, ho rivisitato il trauma emotivo infantile. Non è stato facile, ma era l’unico modo per affrontare la mia condizione che mi spingeva alla disforia di genere.
A 50 anni, mi tolsi il seno, ma per qualche anno ero ancora in confusione e ricevevo counseling.
Nel 1996, all’età 55, ero finalmente libero dal desiderio di vivere come una donna e cambiai legalmente i documenti nella mia autentica identità, Walt . Ho ancore le cicatrici sul mio petto che mi ricordavo la deviazione di gender che mi è costata 13 anni della mia vita.  Sto ancora prendendo gli ormoni, per regolare il sistema che è stato permanente alterato.

Il rimpianto è reale

Alla fine, ho incontrato una fantastica donna che non gli importò riguardo ai cambiamenti del mio corpo, e siamo sposati da 21 anni. Adesso, noi aiutiamo altre persone che hanno cambiato sesso. È modo inestimabile per passare il tempo e aiutare le persone ferite.  Se non fossi stato per l’ingannato dalle storie di “successo” dei media e dai medici che dicevano che la transizione era la soluzione ai miei problemi, non avrei mai sofferto quello che ho sofferto.  La genetica non può essere cambiata. Tuttavia i sentimento possono cambiare.  Problemi di sottofondo possono guidarci, spingerci a fuggire in un altra vita, ma bisogna affrontarli prima di prendere il radicale passo della transizione.
Sentirai dire i media “ Il rimpianto è raro”. Ma loro non leggono la mia posta, che è piena di messaggi di transgender che rivogliono la loro vita normale, come era prima della chirurgia e degli ormoni.

Ora dopo la transizione: conosco la verità: Ormoni e chirurgia possono alterare le apparenze, ma nessuno può cambiare il tuo sesso.

Walt Heyer offre supporto attraverso il suo sito: SexChangeRegret.com

Articolo originale:
https://eu.usatoday.com/story/opinion/voices/2019/02/11/transgender-debate-transitioning-sex-gender-column/1894076002/

           

Libro in Amazon: “Paper Genders il Mito del cambiamento di sesso” di Walt Heyer
https://amzn.to/2Tt63BS

Libro in Amazon: “Il ragazzo nella stanza con i suoi tacchi rossi” di Andrea Donnini
https://amzn.to/2CbyJEA

Christian Morano
Seguimi su
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna alla pagina Shop