In verità non dovremmo questionare se Dio desidera guarirci o no, ma dovremmo solo pensare a come ricevere la nostra guarigione.
Dio ha già deciso di guarire ogni uomo, e in verità ha già guarito ogni uomo attraverso Gesú.

Gesù ha messo il suo sigillo a questa verità con il suo sangue. ( Nello Spirito a livello LEGALE)
Lui stesso ha pagato un grande prezzo per la guarigione e liberazione di ogni uomo. La parola di Dio è chiara. 

Isaia 53:5
Egli è stato trafitto a causa delle nostre trasgressioni, stroncato a causa delle nostre iniquità; il castigo, per cui abbiamo pace, è caduto su di lui e mediante le sue lividure noi siamo stati guariti.

Difatti anche Paolo nella seconda lettera ai Corinzi ha scritto:

2 Corinzi 1:20
Infatti tutte le promesse di Dio hanno il loro «sì» in lui; perciò pure per mezzo di lui noi pronunciamo l’Amen alla gloria di Dio.

La guarigione è inclusa nel “pacchetto” della salvezza ed è il dono che Dio ha rilasciato all’umanità. Ma come ogni cosa sta a noi, crederlo e riceverlo. 

Per ricevere guarigione non bisogna andare chissà dove oppure andare da un santone di turno. La guarigione si riceve per fede, attraverso il nome di Gesù e anche utilizzando la nostra autorità di Figli di Dio. 

Leggendo i vangeli, Gesú non ha mai rifiutato di guarire qualcuno, ma in verità le poche volte che non poteva guarire era per la mancanza di fede.
Gesù si è fatto uomo, come noi, affinchè noi potessimo diventare divini come Lui, cioè figli di Dio e ambasciatori, rappresentati di Lui qua sulla terra.
Difatti Gesú non è stato crocifisso dai giudei per le potenti opere che compiva, ma in realtà era stato accusato di bestemmia, perchè Lui che era uomo si dichiarava di essere Figlio di Dio.
Parlando della guarigione, Gesù camminava per le vie Israele guarendo e liberando le persone, perchè la potenza dello Spirito Santo dimorava in Lui.
La bella notizia è che ogni uomo, attraverso la nuova nascita, e il battessimo dello Spirito Santo, diventa dimora di Dio, quindi lo stesso Spirito che ha risuscitato Gesú dai morti vive in noi e lo stesso Spirito Santo che era in Gesù quando guariva i malati e cacciava i demoni vive oggi in noi.
Difatti noi come discepoli di Gesù, siamo chiamati a guarire i malati e a cacciare i demoni, perchè siamo gli ambasciatori di Cristo qua sulla terra.
Per guarire un malato, non hai bisogno ne di un prete e ne di un pastore ma hai bisogno della fede nel nome di Gesú e della tua consapevolezza che sei figlio di Dio.
Quindi per fede, bisogna ubbidire alla parola di Dio e agli ordini che Gesú stesso a rilasciato a ogni discepolo cioè predicare il Regno di Dio, guarire i malati e cacciare i demoni.

La chiesa primitiva viveva nella potenza dello Spirito Santo e possiamo vedere che negli Atti degli Apostoli è scritto:

12 Molti segni e prodigi erano fatti tra il popolo per le mani degli apostoli; e tutti di comune accordo si ritrovavano sotto il portico di Salomone. 13 Ma nessuno degli altri osava unirsi a loro; il popolo però li esaltava. 14 E sempre di più si aggiungevano uomini e donne in gran numero, che credevano nel Signore; 15 tanto che portavano perfino i malati nelle piazze, e li mettevano su lettucci e giacigli, affinché, quando Pietro passava, almeno la sua ombra ne coprisse qualcuno. 16 La folla accorreva dalle città vicine a Gerusalemme, portando malati e persone tormentate da spiriti immondi; e tutti erano guariti.

Pietro era non speciale, ma era semplicemente ripieno di Spirito Santo ed era un seguace di Gesú cioè aveva Fede in Lui, difatti leggendo sempre gli Atti al capitolo tre, vediamo che Pietro rilascia e comanda nel nome di Gesù guarigione allo zoppo.

1 Pietro e Giovanni salivano al tempio per la preghiera dell’ora nona, 2 mentre si portava un uomo, zoppo fin dalla nascita, che ogni giorno deponevano presso la porta del tempio detta «Bella», per chiedere l’elemosina a quelli che entravano nel tempio. 3 Vedendo Pietro e Giovanni che stavano per entrare nel tempio, egli chiese loro l’elemosina. 4 Pietro, con Giovanni, fissando gli occhi su di lui, disse: «Guardaci!» 5 Ed egli li guardava attentamente, aspettando di ricevere qualcosa da loro. 6 Ma Pietro disse: «Dell’argento e dell’oro io non ne ho; ma quello che ho, te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, cammina!» 7 Lo prese per la mano destra, lo sollevò; e in quell’istante le piante dei piedi e le caviglie gli si rafforzarono. 8 E con un balzo si alzò in piedi e cominciò a camminare; ed entrò con loro nel tempio camminando, saltando e lodando Dio. 9 Tutto il popolo lo vide che camminava e lodava Dio; 10 e lo riconoscevano per colui che sedeva a chiedere l’elemosina alla porta «Bella» del tempio; e furono pieni di meraviglia e di stupore per quello che gli era accaduto. 11 Mentre quell’uomo teneva stretti a sé Pietro e Giovanni, tutto il popolo, stupito, accorse a loro al portico detto di Salomone.

E questo era il Pietro che Gesú aveva sgridato dicendogli:
“Vattene via da me, Satana! Tu mi sei di scandalo. Tu non hai il senso delle cose di Dio, ma delle cose degli uomini” e poi era lo stesso Pietro che aveva rinnegato per tre volte Gesú, ma la differenza che era stato restaurato nella sua fede attraverso il perdono, e riempito di Spirito Santo.

Quindi anche tu, come Pietro puoi predicare e rilasciare il Regno di Dio, guarendo i malati e cacciando i demoni, affinché porti trasformazione e porti la salvezza di Gesú Cristo. 

Christian Morano
Seguimi su
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna alla pagina Shop