Essere cristiano non vuol dire soltanto credere in Gesù ma vuol dire diventare un suo discepolo!
Gesù non è morto e risorto per fare cristiani ma per fare discepoli affinchè facciano altri discepoli e portino il Regno di Dio qua sulla terra! Portino frutto in abbondanza.

Questo è stato un comando di Gesù!!!

Matteo 28:19-20
19 Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, 20 insegnando loro a osservare tutte quante le cose che vi ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell’età presente».

Marco 16:15-18
15 E disse loro: «Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. 16 Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi non avrà creduto sarà condannato. 17 Questi sono i segni che accompagneranno coloro che avranno creduto: nel nome mio scacceranno i demòni; parleranno in lingue nuove; 18 prenderanno in mano dei serpenti; anche se berranno qualche veleno, non ne avranno alcun male; imporranno le mani agli ammalati ed essi guariranno».

Essere un discepolo di Gesù vuol dire seguirlo, vuol dire conosce il proprio maestro, copiarlo e prenderne esempio.

Un credente nato di nuovo è uno in Cristo Gesù, quindi dentro di se ha la stessa potenza e autorità che Gesù ha per distruggere le opere del diavolo e rilasciare il Regno di Dio, predicando il vangelo, cacciando i demoni e guarendo i malati. Perchè come figli di Dio siamo ambasciatori di Cristo.
Lo stesso Spirito che ha risorto Gesù dai morti vive in me e in te… sei nato di nuovo, quindi tu sei stato benedetto, e sei stato autorizzato e qualificato dai luoghi celesti e dalla autorità massima che è Gesù Cristo a rilasciare la potenza del Regno di Dio qua sulla terra, difatti come discepoli siamo chiamati a portare frutto per il Regno di Dio ed è un frutto che dipende dal lavoro compiuto e finito di Gesù Cristo sulla croce, e non sulla religiosità. È un frutto che si manifesta quando la nostra fede è attivata e la mente è allineata alla mente di Cristo.

Giovanni 15:7-8
7 Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che volete e vi sarà fatto. 8 In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto, così sarete miei discepoli.

Perchè dobbiamo pensare come Cristo pensa, e dobbiamo avere una mentalità del Regno e non terrena e ne tanto meno religiosa.
La religiosità non ha nulla a che fare con l’autentico cristianesimo! Difatti il cristianesimo è la manifestazione della potenza di Dio che si è manifesta e si è manifestata attraverso la morte e la risurrezione di Gesù. Ogni cosa è stata portata a termine con il Sacrificio di Gesù e ogni uomo può ricevere l’eredità che è stata messa a disposizione attraverso il sacrificio di Gesù.
L’unico modo per seguire Cristo è avere una profonda intima relazione con Lui, quindi conoscerlo e l’unico modo è attraverso la Parola di Dio.

Difatti Gesù disse in Giovanni 8:31-32
«Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; 32 conoscerete la verità e la verità vi farà liberi»

Soltanto ascoltando, meditando e applicando la Parola di Dio un uomo può diventare libero, perchè è la verità che ci rende liberi E diventato discepoli abbiamo la possibilità e l’autorità di trasformare una altra vita, cioè dove c’è una malattia portare portare la guarigione, dove c’è oppressione portare liberazione, dove non c’è speranza portare speranza, dove non c’è amore portare l’amore di Gesù e dove c’è povertà portare la prosperità del regno.
Come cristiani nati nuovo siamo seduti nei luoghi celesti, regnano in Cristo e abbiamo la possibilità di vedere, ascoltare, e decretare dalla posizione e autorità dei luoghi celesti qua sulla terra, rilasciando il Regno di Dio e la gloria di Dio.

Christian Morano
Seguimi su
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna alla pagina Shop