Lo sai che lo Spirito Santo è una persona?
Beh divina… non umana. 😉
Difatti Dio è tre persone distinte, ma un solo Dio; come alla fine noi uomini siamo tre ma uno. Mi spiego meglio: spirito, anima e corpo.
Lo Spirito Santo ha una personalità e desidera ardentemente avere una relazione con ognuno di noi. Non è un’entità senza personalità o senza carattere.
Ma, è il cuore profondo di Dio, è il consolatore, l’amore, la potenza ed  è la verità;  e grazie al sacrificio di Gesù ognuno di noi può riceverlo.  E un dono.

Uno dei principali frutti della morte di Gesù sulla croce, oltre alla salvezza e il perdono dei peccati è il dono dello Spirito Santo.

Difatti nel Vangelo di Giovanni Gesù stesso disse:
15 «Se mi amate, osservate i miei comandamenti. 16 Ed io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore, che rimanga con voi per sempre, 17 lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce; ma voi lo conoscete, perché dimora con voi e sarà in voi. (Giovanni 14:15-17)

Quindi questa è una grande promessa. Nel quale Gesù stesso ha fatto affinché possiamo essere consolati, guidati, trasformati, ricevere rivelazioni, visioni, profezie, sogni e avere potenza per guarire malattie e cacciare demoni.

36 Ora, mentre essi parlavano di queste cose, Gesù stesso si rese presente in mezzo a loro e disse loro: «Pace a voi!». 37 Ma essi, terrorizzati e pieni di paura, pensavano di vedere uno spirito. 38 Allora egli disse loro: «Perché siete turbati? E perché nei vostri cuori sorgono dei dubbi? 39 Guardate le mie mani e i miei piedi, perché sono io. Toccatemi e guardate, perché uno spirito non ha carne e ossa, come vedete che ho io». 40 E, detto questo, mostrò loro le mani e i piedi. 41 Ma poiché essi non credevano ancora per la gioia ed erano pieni di meraviglia, egli disse loro: «Avete qui qualcosa da mangiare?». 42 Ed essi gli diedero un pezzo di pesce arrostito e un favo di miele. 43 Ed egli li prese e mangiò in loro presenza. 44 Poi disse loro: «Queste sono le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: che si dovevano adempiere tutte le cose scritte a mio riguardo nella legge di Mosè, nei profeti e nei salmi». 45 Allora aprì loro la mente, perché comprendessero le Scritture, 46 e disse loro: «Così sta scritto, e così era necessario che il Cristo soffrisse e risuscitasse dai morti il terzo giorno, 47 e che nel suo nome si predicasse il ravvedimento e il perdono dei peccati a tutte le genti, cominciando da Gerusalemme. 48 Or voi siete testimoni di queste cose. 49 Ed ecco, io mando su di voi la promessa del Padre mio; ma voi rimanete nella città di Gerusalemme, finché siate rivestiti di potenza dall’alto. (Luca 24:36-49)

Un cristiano senza lo Spirito Santo è come una macchina senza benzina Condividi il Tweet, nel quale perde il senso e lo scopo della stessa creazione.

E’ fondamentale per un cristiano conoscere e ricevere lo Spirito Santo affinché possa avere una corretta relazione con Dio, interpretare correttamente la Parola di Dio, e per muoversi nella potenza di segni, prodigi, miracoli. Senza Spirito Santo il cristianesimo diventa una religione senza potenza di trasformazione e vita. 

La mia esperienza con lo Spirito Santo è iniziata anni fa, nel quale ha portato verità, a iniziato a rivelarmi cose spirituali riguardo alla mia famiglia, ha iniziato a mostrarmi le cause di alcuni problemi nella mia vita, affinché potessi diventarne libero e a donarmi sogni e visioni. Nel quale sono accessibili a tutti attraverso il sacrificio di Gesù.

Quando lo Spirito Santo di manifesta,  avvengono manifestazioni particolari….tanta gioia, l’atmosfera completamente si trasforma:  cioè diventa il paradiso sulla terra con la manifestazione della gloria di Dio con segni, miracoli, visioni, apparizioni di pietre preziose, e anche con manifestazioni particolari, che forse a livello mentale non possiamo comprendere, ma non possiamo chiudere Dio in una scatola e soffocare la sua manifestazione attraverso la religione.

Ma solo in Gesù c’è accesso allo Spirito Santo. Condividi il Tweet

Vuoi ricevere lo Spirito Santo? Accetta Gesù e inizia ad avere una relazione intima con Gesù. Non ci sono altre vie. Perché Dio è santo e non potremmo accostarci a Dio o ricevere lo Spirito Santo senza diventare santi e giusti…e in Cristo Gesù lo diventiamo.
Gesù ha risolto il problema.  😉
Difatti, attraverso il suo sacrificio sulla croce abbiamo accesso completamene alla salvezza e al dono dello Spirito Santo.

La religione soffoca la potenza e la conoscenza di Dio. Condividi il Tweet

Possiamo vedere negli atti degli apostoli, nel giorno di pentecoste quando è stato rilasciato lo Spirito Santo e non sembrava un evento normale o religioso…anzi l’opposto. Tu che ne pensi?

Possiamo vedere la manifestazione soprannaturale di vento, fuoco, di lingue soprannaturali e di gioia (tipo persone ubriache).

2 E all’improvviso venne dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dove essi sedevano. 3 E apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e andarono a posarsi su ciascuno di loro. 4 Così furono tutti ripieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro di esprimersi. 5 Or a Gerusalemme dimoravano dei Giudei, uomini pii, da ogni nazione sotto il cielo. 6 Quando si fece quel suono, la folla si radunò e fu confusa, perché ciascuno di loro li udiva parlare nella sua propria lingua. 7 E tutti stupivano e si meravigliavano, e si dicevano l’un l’altro: «Ecco, non sono Galilei tutti questi che parlano? 8 Come mai ciascuno di noi li ode parlare nella propria lingua natìa? 9 Noi Parti, Medi, Elamiti e abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadocia, del Ponto e dell’Asia, 10 della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle parti della Libia che è di fronte a Cirene e noi residenti di passaggio da Roma, Giudei e proseliti, 11 Cretesi ed Arabi, li udiamo parlare delle grandi cose di Dio nelle nostre lingue!». 12 E tutti stupivano ed erano perplessi, e si dicevano l’un l’altro: «Che vuol dire questo?». 13 Altri invece li schernivano e dicevano: «Sono ripieni di vin dolce!». (Atti 2:1-12:25)

Erano circa le 9 del mattino e se la folla accusò gli apostoli di essere ubriachi di vino dolce significa che i loro atteggiamenti erano particolari e non normali.  (Ti sembra normale una accusa del genere? [per me No ;)])

Ora che è da un pò di anni che cammino con Gesù, ho capito che Dio non è normale, ma è davvero soprannaturale. Nella mia vita mi è capitato di essere ubriaco di Spirito Santo e ho partecipato ad incontri di lode nel quale la gioia e le risate delle persone erano indescrivibili.

Concludendo…penso  che ognuno di noi, (me in primis) dovrebbe coltivare una relazione più profonda con lo Spirito Santo per poter vivere una vita soprannaturale e portare il cielo qua sulla terra.

Or il Signore è lo Spirito, e dov'è lo Spirito del Signore, vi è libertà. (2 Corinzi 3,17) Condividi il Tweet
Christian Morano
Seguimi su
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna alla pagina Shop